La maggior parte del nostro malessere dipende dalla mente che, proprio come una radio accesa 24 ore su 24 in sottofondo, ci racconta una serie di storie negative sul passato o sul nostro futuro, alle quali non diamo ascolto perché impegnati in altre faccende. Così, mentre viviamo sospesi tra la paura del futuro e quella di non raggiungere ciò che desideriamo, ci neghiamo l’esperienza di essere felici adesso. Se non stiamo attenti la nostra mente continuerà a riproporci lo stesso modello di pensiero che ha condizionato la nostra vita passata, ricreando nel futuro le stesse realtà. Liberarci da un modo poco efficace di pensare è una scelta ed un’arte che si può apprendere. Oggi le ricerche scientifiche provenienti da diversi ambiti, hanno fatto passi da gigante per offrirci la possibilità di imparare quest’ “arte”! Attraverso un approccio multidisciplinare, che coinvolge la psicologia, le neuroscienze, la medicina, la fisica quantistica e la religione, ed un’amalgama di pensieri e scoperte scientifiche, sarà trattato mercoledì 13 giugno alle ore 18.30, presso l’Agorà Morelli in via Domenico Morelli 61/A, uno degli argomenti più controversi ma più affascinanti della vita: la Felicità.

Al convegno, organizzato e promosso dall’Agorà Magazine e dall’Associazione Culturale Meridiani, interverranno Luigi Baldascini, psichiatra e direttore IPR, Diana Arcamone, scrittrice e referente progetto scuola Associazione Meridiani e Maria Serena Mastrangelo, psicoterapeuta, didatta IPR.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *